Articolo

Alice Basso: “Imparare a scrivere significa anche imparare a far ridere”

Quando ero alle medie, mi pare in prima o in seconda, un giorno ci dissero che avremmo avuto un'ora buca. Questa è una cosa che, a undici anni, ti mette un sacco di buonumore. Poi la bidella rientrò e rettificò: niente ora buca, s'era trovato il prof d'italiano di un'altra classe per farci una supplenza.Queste son…


Articolo

Noi “sapiosexual”: quando l’intelligenza è sexy (anzi, è tutto)

Tutto comincia alle elementari, quando la maestra, in un’ottica di educazione alla cooperazione fra compagni, ti mette in banco con il ragazzino scapestrato. L’“elemento difficile”. Quello un po’ indomabile, ribelle, che fa a botte in cortile (e vince, perché è anche un po’ più cresciuto della media e…

Articolo

Empatia, questa sconosciuta

Quando ho creato il personaggio di Vani Sarca, la ghostwriter iperempatica che riesce a infilarsi nella testa di tutti gli scrittori di cui deve imitare lo stile, e che proprio grazie a questa capacità d’immedesimazione diventa aiutante della polizia, sapevo che mi avrebbero fatto tutti un sacco di domande…