«Predrag Matvejevic ci ha abituato a questa sua scrittura senza pacificazione, che ha una forma bellissima ma non se ne accontenta, incalzato come è da domande inesorabili sul perché e sul che cosa».
«Il dopo guerra fredda ha visto una parte del mondo vivere un’esistenza in qualche modo postuma: un ex impero, numerosi ex stati ed ex patti di alleanza tra stati, tante ex società ed ex ideologie, ex cittadinanze ed ex appartenenze, e anche ex dissidenze. È legittimo domandarsi cosa significhi, in realtà, essere «ex» o dirsi «ex». Essere stato cittadino di un’ex Europa finalmente affrancata, di una ex Unione Sovietica disgregata, di una ex Iugoslavia distrutta? Essere diventato un ex socialista o ex comunista, ex tedesco dell’Est, ex cecoslovacco, membro di un ex partito o partigiano di un ex movimento, o chissà cos’altro? Non essere più – o non voler più essere – ciò che si è stati o ciò che si presumeva essere?»

Uno dei grandi temi dell’opera di Predrag Matvejevic´ è l’identità: identità nazionali e ideologiche che si stratificano nella lingua e nella geografia, fedeltà e infedeltà che si riflettono nelle nostre personalità, sempre più sfaccettate e complesse. Perché siamo diventati tutti «ex», soprattutto in questo nuovo inizio secolo. In un mondo che si vuole laico e globalizzato, in una società che si proclama aperta e libera dagli idoli, dopo aver abbattuto i muri e spazzato via le menzogne, ci ritroviamo orfani di patrie e di ideologie, senza fedi né utopie, e al tempo stesso ne proviamo nostalgia. Ci sembra impossibile fare a meno delle «illusioni perdute» che hanno segnato il Novecento, e tuttavia sappiamo che il loro rigurgito può essere molto pericoloso. Proprio per aver denunciato con grande vigore gli scrittori e i poeti che nella ex Iugoslavia hanno riacceso quelle micce, Matvejevic´ è stato condannato da un tribunale croato a cinque mesi di carcere: in coda al libro, Claudio Magris denuncia proprio questo attentato alla libertà d’espressione, richiamando gli intellettuali alle loro responsabilità.
Mondo «ex» e tempo del dopo, riscritto e ampiamente integrato a distanza di un decennio ricco di eventi, affronta l’intricato nodo in cui ci dibattiamo, tra storia e politica, come individui e nella società. È un libro vivo e palpitante, dove una scrittura stratificata e sapientemente tornita si nutre della memoria per rispondere alle domande del presente.

Titolo
Mondo «ex» e tempo del dopo
ISBN
9788811597681
Autore
Collana
Casa Editrice
GARZANTI
Aree tematiche
Dettagli
232 pagine,
Prezzo di questa edizione cartacea
14,50€


Goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.


15 LIBRI DA LEGGERE PER L’ESTATE

Ecco per voi una selezione di 15 libri da leggere nell’estate…


10 LIBRI SULL’EUROPA

Ecco una selezione di letture che parlano del passato, del presente e…


LIBRI PER LA FESTA DELLA MAMMA

La festa della mamma si celebra in tutto il mondo, ma con date…


Le indagini di Vani Sarca: la guida definitiva

In occasione dell'uscita del libro "Un caso speciale per la…


Libri per la giornata mondiale della poesia

Il 21 marzo, insieme all'arrivo della primavera, ricorre la Giornata…


Libri per la festa della donna

Una lista di 10 libri da leggere o regalare alle donne che amate e…


10 LIBRI DA LEGGERE A SAN VALENTINO

Una lista dei romanzi perfetti da regalarsi e da regalare in vista…


10 libri da leggere nei prossimi mesi

Dopo le letture delle vacanze siete a corto di ispirazione e volete…


10 LIBRI DA LEGGERE IN AUTUNNO

Cos'è l'autunno se non leggere un buon libro con una tazza di tè…


10 ROMANZI PER COMBATTERE LA SINDROME DA RIENTRO

Quando le vacanze finiscono è difficile tornare ai ritmi e agli…


10 romanzi da leggere quest’estate

Voglia di letture estive? Ecco una lista di 10 romanzi consigliati per…


10 libri per la festa della mamma

Una selezione di titoli da leggere e regalare in occasione della festa…