Personagi autentici e storie schiette. Vitali guida il lettore tra pagine dove va in scena la vita.
Francesco Tagliabue, Il Piccolo

Una sola lettera e anche il terzo segretario bellanese del partito finirebbe nel ridicolo.

Le rive del lago di Como sono punteggiate di paesi e paesini accomodati ai piedi delle montagne dove non succede granché. Tranne a Bellano. Nell'ultimo anno e mezzo circa, il Federale del fascio ha dovuto sostituire già due segretari della sezione locale del partito. Il primo a saltare è stato Bortolo Piazzacampo, detto Tartina, per una vicenda legata alle bizzarrie di un toro chiamato Benito in cui il Tartina si è distinto per insipienza. Il secondo è stato Aurelio Trovatore, che ha deciso di accasarsi in quel di Castellanza preferendo l'amore al destino fatale della patria fascista. Ora ha nominato tale Caio Scafandro, un pezzo d'uomo che usa le mani larghe come badili per far intendere le proprie ragioni. Avrà la forza d'animo, visto che quella fisica non difetta, per mantenere l'incarico? Perché nel passato dello Scafandro qualche fantasma c'è. E più di uno lo sa. Basterebbe una parolina sussurrata all'orecchio del Federale e anche il terzo segretario del fascio di Bellano farebbe la fine dei precedenti. Per questo, lo Scafandro ha preso le sue contromisure senza preoccuparsi di sconfinare in quel territorio dell'illegalità presidiato dalle forze dell'ordine. E lì appunto si trova il maresciallo Ernesto Maccadò. Fresco padre di Rocco, il suo primogenito, la mattina del 20 novembre 1929 il maresciallo scampa per un pelo a una disgrazia per via di un oggetto metallico scaraventato giù in contrada da un potenziale assassino. E chi sarà mai quell'imbecille?
Nessuno scrive al Federale riporta in scena il maresciallo Ernesto Maccadò. Nel paese in cui è stato inviato insieme alla sua Maristella come fossero due marziani, ora si sente sempre più a casa, soprattutto con l'arrivo del primo figlio. Ma Bellano, visto da così vicino, è tutt'altro che un luogo tranquillo. E non è facile scacciare il pensiero che vi regni una certa follia.


Titolo
Nessuno scrive al Federale
ISBN
9788811813736
Autore
Casa Editrice
GARZANTI
Aree tematiche
Dettagli
320 pagine, Cartonato
Prezzo di questa edizione cartacea
18,60€


Goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.


I LIBRI CHE NON PUOI PERDERE CON LO SCONTO DEL -20%

Fino al 18 ottobre per la prima volta TUTTO IL CATALOGO GARZANTI in…


I LIBRI DA LEGGERE PER L’ESTATE

L'estate è arrivata ed è giunto il momento di riempire le valigie…


SCOPRI L’INTERA SERIE DI SAM E MASON FIRMATA TIJAN

Tijan si è fatta strada nel panorama letterario internazionale…


#BlackLivesMatter

Leggere non fa solo viaggiare con l'immaginazione, ma apre la mente e…


LIBRI PER LA FESTA DELLA MAMMA

La festa della mamma è alle porte e, anche se quest'anno sarà…


LIBRI CHE FANNO STARE BENE

Cari lettori e lettrici, spesso leggere un buon libro è uno dei modi…


I LIBRI PER LA FESTA DEL PAPà

Cari lettori, la festa del papà è in arrivo ed eccoci con una lista…


#IORESTOACASA #LIBRIAPERTI: PER GIOVANI LETTORI

In questi giorni dobbiamo fare lo sforzo di stare in casa, dobbiamo…


#IORESTOACASA #LIBRIAPERTI

In questo momento di emergenza ci viene richiesto di stare il più…


10 libri per ricordare Pier Paolo Pasolini

5 marzo 1922, nasceva Pier Paolo Pasolini, poeta, scrittore, regista,…


8 MARZO: I LIBRI PER LA GIORNATA DELLA DONNA

Una lista di ibri da leggere o regalare alle donne che amate e…


Capolavori da leggere tutti d’un fiato

Apuleio, Austen, Basile, Gogol’, Marx-Engels, Némirovsky, Ovidio,…